Carceri, Lombardia prima regione italiana per pene alternative esterne

You must need to login..!

Embed Code

Description

 Con oltre 11.700 persone (dati al 15 settembre 2019), la Lombardia è la regione italiana con la più alta percentuale di condannati che scontano la pena fuori dal carcere (19,6% sul totale nazionale) , attraverso principalmente Misure alternative e Sanzioni di comunità, le modalità di esecuzione penale più efficaci rispetto all’abbattimento della recidiva e meno costose. Il quadro è delineato in uno studio redatto su dati del Dipartimento ‘Giustizia minorile e di comunità’ da Sesta Opera San Fedele,  associazione di volontariato penitenziario, che da sabato 12 ottobre 2019 promuove un ciclo di incontri di formazione dedicato al “Riconoscere e sostenere le fragilità psichiche negli autori di reato” (piazza San Fedele, 4). Un’occasione per tutti per riflettere sulla situazione a partire da questi numeri.

Il ricorso alle Misure alternative conferma il grande impegno della magistratura lombarda – ha spiegato il Presidente di Sesta Opera, Guido Chiaretti -. L’altro lato della medaglia chiama, però, società civile e volontari a una grande responsabilità e impegno: accompagnare e sostenere tali condannati nell’esecuzione della pena fuori dal carcere, lontano dalle tante attività di rieducazione fornite negli istituti di pena lombardi. Noi li chiamiamo i Condannati Invisibili”.

Nello specifico, in Lombardia a fine agosto in carcere c’erano 8.618 detenuti, mentre 11.754 persone stavano scontando la pena fuori, con un rapporto di 100 a 136. Nella sola città di Milano si contavano 4.556 condannati alle varie Misure e Sanzioni di comunità, contro 3.738 detenuti nei suoi tre istituti di pena. A livello nazionale, il 30% sono in Affidamento in prova ai servizi sociali e altrettante sono Messe alla Prova, mentre il 18% sconta la pena con la Detenzione domiciliare. Si tratta perlopiù di uomini di nazionalità italiana (82%). Circa il 50% hanno una età compresa tra i 30 e i 49 anni. Gli stranieri ammessi alle Misure alternative e in carico agli UEPE sono circa il 18% del totale, di cui poco meno di metà provengono dall’Europa (UE e altri Paesi europei) e circa un terzo dall’Africa (circa il 6% del totale nazionale).

Mostriamo anche un recente esempio di percorso rieducativo con un video che illustra la case history di Siddharta, il musical che ha visto come protagonisti anche alcuni detenuti del carcere di massima sicurezza di Opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *